Escursioni e passeggiate

Passeggiate, vie ferrate, arrampicate, in Cadore ce n'è per tutti i gusti!

 

  

Fu proprio grazie all'attività escursionistica che il turismo prese piede in queste valli, rendendole note fin dagli inizi del Novecento. Racconti e libri di escursionisti italiani e stranieri, hanno reso le Dolomiti la meta sognata degli amanti della montagna. Il Cadore racchiude una zona montuosa che si presta in modo eccezionale all'escursionismo: l'orografia del terreno comprende sia aspetti dolci e lineari, ricchi di boschi, pascoli e sommità prative, sia le connotazioni più severe dell'alta montagna, con vette che superano i 3000m., consentendo un numero elevato di itinerari di diversa difficoltà, spesso combinabili tra loro.

Gli itinerari sono indicati con i tipici segnavia bianco-rosso con il numero del sentiero.
Consigliamo di rimanere entro i sentieri segnati per evitare di smarrirsi.

Un oggetto da non dimenticare è la cartina dei sentieri (possibilmente almeno in scala 1:25.000) Anche se si è accompagnati da guide esperte, allenarsi a saper leggere una cartina è il primo approccio all'orientamento. Principio fondamentale è che qualsiasi mappa è stata disegnata orientando il margine superiore al Nord, quindi orientare la nostra cartina verso nord, ci aiuterà a trovare la nostra posizione e a riconoscere i particolari topografici.

La mappa del territorio è comunque utile per conoscere i nomi
delle splendide montagne dolomitiche che ci circondano.

Clicca qui per vedere i Rifugi del Cadore.

Clicca qui per vedere la cartina estiva.

 

 

 

 

Passeggiando nelle Dolomiti del Cadore

Consigli utili

suggerimenti pratici per le tue escursioni

CONSIGLI PRATICI

La buona riuscita di un' escursione inizia dalla programmazione a tavolino e sono principalmente due i parametri da valutare: difficoltà e lunghezza dell'itinerario. La difficoltà dovrà essere in funzione alle nostre capacità tecniche e alla nostra esperienza. La lunghezza è in funzione delle nostre condizioni fisiche e dell'allenamento. Valutare attentamente la situazione metereologica prevista per l'intera giornata è un altro aspetto di fondamentale importanza. Nella sezione Meteo troverete i bollettini particolareggiati, a cura dei servizi metereologici locali.

NELLO ZAINO

Un oggetto da non dimenticare è la CARTINA DEI SENTIERI (possibilmente almeno in scala 1:25.000) Anche se si è accompagnati da guide esperte, allenarsi a saper leggere una cartina è il primo approccio all'orientamento. Principio fondamentale è che qualsiasi mappa è stata disegnata orientando il margine superiore al Nord, quindi orientare la nostra cartina verso nord, ci aiuterà a trovare la nostra posizione e a riconoscere i particolari topografici. La mappa del territorio è comunque utile per conoscere i nomi delle splendide montagne dolomitiche che ci circondano. Non dimenticate di portare qualche alimento energetico, in caso di calo di zuccheri e dell'acqua. Se vogliamo essere preventivi, qualche cerotto (compresi quelli per le vesciche ai piedi), una piccola bottiglietta di disinfettante ed un piccolo coltellino tascabile.

COME VESTIRSI

L'abbigliamento è indubbiamente legato alla stagione, ma bisogna sempre tenere conto che in montagna il tempo può variare molto rapidamente. Consigliamo pertanto di indossare un abbigliamento a strati, che consenta di adattarsi alla variabilità del meteo e di portare sempre nello zaino un indumento impermeabile da usare in caso di emergenza (l'ideale sono le mantelline o "poncho" che permettono di coprire anche lo zaino in caso di pioggia, ma possono anche essere utilizzate come telo per stendersi sull'erba). Particolare attenzione va data alle calzature: scarpe da montagna con suola adatta al tipo di escursione. E' fondamentale avere una buona aderenza al terreno (ottime le suole in "vibram") e mantenere la sensibilità del piede. Occhiali da sole e cappello possono risultare utili in alta montagna, dove i raggi del sole possono essere molto intensi.

Trova tutto quello che ti serve nei negozi del Cadore!