Media Kit

Cortina Regina delle Dolomiti, per il suo patrimonio paesaggistico, turistico e di immagine.

Cortina meta dell’e´lite economica, politica e culturale italiana.

Cortina e la sua storia: citta` olimpica, luogo privilegiato della dolce vita, vetrina, da oltre un secolo, di esclusivita` e stile.

Cortina e il suo ruolo di image maker e di status symbol, localita` unica e inimitabile nell’intero arco
alpino.

Cortina, una delle piu` famose localita` turistiche italiane, e` situata nella parte nord orientale del Veneto, a 72 chilometri da Belluno, sua provincia di appartenenza. Vicinissima alla regione del Trentino-Alto Adige, dista soli 44 chilometri dal confine austriaco. La valle e` sospesa a 1.224 metri di altitudine, immersa in uno scenario di incomparabile bellezza, tra alcune delle montagne piu` affascinanti al mondo, entrate a far parte del Patrimonio Naturale dell’Umanita` UNESCO. Uno spettacolo della natura che non conosce paragoni, esattamente al centro del quale sorge la cittadina di Cortina d’Ampezzo. La straordinaria posizione di cui gode - adagiata in una vera e propria conca dalla forma quasi circolare e delimitata da quattro valichi ai punti cardinali - ne ha fatto nei secoli un palcoscenico mozzafiato da cui poter ammirare le celebri montagne che le fanno da corona. Le cime d’Ampezzo, infatti, molte delle quali oltre i 3.000 metri, derivano la loro particolare bellezza dal fatto di essere piu` chiare, piu` sfumate e piu` monumentali di altre vette, tanto da sembrare quasi modellate architettonicamente.

Ma la valle ampezzana non e` solo regina di risorse naturali dal fascino smisurato, e` anche meta sportiva conosciuta in tutto il mondo - fu sede delle Olimpiadi del 1956 - per l’offerta sicuramente esclusiva che la contraddistingue e per i grandi eventi che da sempre ospita. E`, inoltre, un salotto culturale di rilievo non solo nazionale e, dal secondo dopoguerra in poi, luogo privilegiato della
Dolce Vita. Custode, infine, di tradizioni, antichi saperi e preziose memorie gelosamente conservate nel tempo, che le permettono di guardare al futuro, forte del proprio passato.