Tramonto al Passo Giau

Uno tra i Passi più belli delle Dolomiti.
Luogo iconico del Giro d’Italia, il Passo Giau anticamente era il Confine tra la Serenissima Repubblica di Venezia e Impero Asburgico. Si trova nei comuni di San Vito di Cadore e Colle Santa Lucia. Qui si possono trovare vari rifugi, malghe e ristoranti da dove si può ammirare un fantastico tramonto. 

Danta di Cadore

Situata a 1400 metri di altitudine, Danta di Cadore gode di una privilegiata esposizione al sole e di un ambiente naturale pressoché integro, ricoperto per vaste superfici da densi boschi di conifere: principalmente abeti e larici.
Offre elementi naturalistici di grande interesse per le molteplici biodiversità presenti nel suo territorio e punti panoramici di eccezionale bellezza. La corona di montagne che la circonda senza sovrastarla le conferisce un tocco di regalità e le consente un rapporto a tu per tu con le sue cime.
Tutt'intorno al paese un alternarsi di boschi e prati verdissimi che da maggio si riempiono di fiori cambiando via via tonalità di colore.
Due torbiere recentemente studiate custodiscono nel loro sottosuolo un patrimonio di informazioni importanti sui segreti della storia del mondo e in superficie si presentano ricche di vegetazione con piante rare e minuscoli fiori carnivori. Sul territorio è presente la quasi totalità della flora alpina protetta e uno straordinario numero di orchidee spontanee.
Danta offre al visitatore il volto di un paese antico ed austero, appena ingentilito dai balconi fioriti che tuttavia non tentano di travisarlo, silenzioso e con pochissimo traffico.

Val Visdende

Coronata da guglie dolomitiche e caratterizzata dall’alternanza di candide impennate rocciose e placidi pascoli, la Val Visdende si apre, a 1254 metri di quota, in un grande anfiteatro.
Una comoda strada, solo all’apparenza tortuosa, la collega alla via di comunicazione principale della valle del Piave rompendone l’isolamento.
I ricchi boschi, ad intervalli regolari, cedono il passo a dolci radure, mentre il torrente Cordevole, raccogliendo i vari affluenti dai pascoli, attraversa la valle completandone il paesaggio come in un quadro d’autore.
Un paesaggio romantico ed emozionante, dove ognuno può ritrovare se stesso o semplicemente ammirare la maestosità della natura. Questo è la Valvisdende, dal latino vallis videnda, la valle da vedere, che con le sue fustaie e abetaie presenta uno dei boschi più belli d’Europa, non a caso venne definita “Tempio di Dio, Inno al creatore” ed era particolarmente amata da papa Giovanni Paolo II.

Rifugio Ciareido

Il rifugio Ciareido (1969 m. s.l.m.) domina, dall'aereo culmine di Croda Paradiso, i placidi pascoli dell'altipiano di Pian dei Buoi, rinomato per la sua splendida collocazione panoramica. Familiarità ospitale, cucina tipica, comode strutture e un caratteristico caminetto rendono la permanenza degna delle migliori locande di fondovalle.

Maggiori informazioni

Rifugio Passo Staulanza

Il Rifugio Passo Staulanza sorge a 1.783 m. s.l.m. in posizione privilegiata e circondato da magnifiche montagne dolomitiche quali il Monte Pelmo ed il Civetta.
Situato sulla sommità del Passo Staulanza è raggiungibile in auto con comoda strada asfaltata oltre ad essere un ottimo punto di sosta per gli escursionisti della Alta Via delle Dolomiti N. 1.

Maggiori informazioni 

Belvedere Parco Roccolo

Dal centro di Pieve di Cadore si imbocca un sentiero semplice che costeggia il parco giochi e si addentra in un bosco di larici, abeti e faggi.
In dieci minuti si arriva al "Bar Roccolo", dove, poco più in basso, da una terrazza è possibile avere una panoramica del Lago del Centro Cadore incorniciato dal gruppo delle Marmarole, del Montanel, del Tudaio e dalle selve di Vedorcia. Adagiati su verdi pendii vi sono i Paesi di Calalzo, Domegge, Vigo e Lorenzago di Cadore. 
Nel Parco di Sant'Alipio, nascosta tra la vegetazione si torva la Casetta di Babbo Natale, che può essere visitata sia nel periodo invernale che in quello estivo. Dal Roccolo si diramano altri sentieri attraverso i quali è possibile aggirare il Monte Ricco e raggiungere i Forti oppure raggiungere la pista ciclabile.