Viel dal Pan

Difficoltàmedia Lunghezza24,64 km

Si parte dall’ampio piazzale della Funivia di Portavescovo e si sale in direzione ovest lungo la carrareccia sulla sponda destra del torrente Cordevole, parallela alla tortuosa strada provinciale n° 48. In località Pont de Vauz (dopo km. 2,63) si abbandona temporaneamente il fuoristrada per immettersi sull’asfalto fino ad incrociare, a sinistra, il bivio situato tra il tornante 23 e 24 che immette nuovamente sullo sterrato. Lo si segue per circa km 1,5 fino ad incrociare il sentiero 680, che, in leggera discesa, vira decisamente ad ovest in direzione Passo Pordoi. Lo si percorre senza grandi variazioni di quota fino in località Lezuo. Da qui si sale su asfalto lungo la strada provinciale n° 48 fino a raggiungere il Passo Pordoi. Qui, sul retro dell’Hotel Savoia, inizia il sentiero 601 che sale al Rifugio Baita Fredarola, superato il quale ci si immette sul Viel dal Pan e, sempre al cospetto del maestoso ghiacciaio della Marmolada, si pedala senza grandi differenze di quota per circa 2 km fino al Rifugio Viel Dal Pan. Da qui si prosegue per altri 2,5 km fino ad iniziare la salita che porta a Forcella Porta Vescovo e che, sia per la pendenza che per la qualità del fondo, sarà necessario raggiungere a spinta. La discesa sarà possibile sulla comoda carrareccia del sentiero n° 680, fino ad incrociare la strada provinciale n° 48 e da qui, su asfalto, sarà possibile rientrare ad Arabba.

  • Punti d'appoggio: Arabba - Hotel Savoia al Passo Pordoi - rifugi in quota
Avvertenze: si consiglia di consultare sempre una cartina apposita prima di partire
Note: si consiglia di consultare sempre una cartina apposita prima di partire
  • asfalto e sterrato Terreno
  • Arabba, piazzale funivia Portavescovo Partenza
  • Arabba Arrivo