Itinerario in Moto Le città dei Papi

Lunghezza229 km

Itinerario che si sviluppa totalmente all'interno della Provincia di Belluno “terra dei Papi”. Canale d'Agordo e Lorenzago di Cadore sono le due località che caratterizzano questa proposta, lungo il tragitto si troveranno importanti e pregiatissimi luoghi di culto in qualche maniera legati alla frequentazione dei pontefici o di rilevante importanza storico ed artistica. Storia cultura e territorio si fondono per offrire numerosi spunti e motivi di interesse per le soste.
La partenza è fissata a Canale d'Agordo. Il paese che ha dato i natali a Papa Giovanni Paolo I è in procinto di attivare il museo dedicato al pontefice bellunese che sorge  nella principale piazza del paese accanto alla chiesa. Si scende la valle sino a raggiungere Agordo. Qui oltre alla notevole Chiesa Arcidiaconale del Segusini sulla piazza principale si affaccia anche Villa Crotta de Manzoni, ultimo avamposto delle Ville Venete verso le Dolomiti.
Prima di Ponte Mas sulla destra saranno visibili due straordinarie strutture: la Chiesa di San Gottardo e la Certosa di Vedana. Edifici bellissimi che portano con se una storia centenaria.
Si prosegue lungo la strada pedemontana, attraversando borghi ricchi di fascino e con traffico ridotto. Raggiunta Pedavena e la sua famosa birreria una sosta consentirà di osservare le Dolomiti Feltrine e di assaggiare la birra realizzata con l'orzo autoctono: la Birra Dolomiti. Si attraversa ora la città d'arte di Feltre dove si consiglia di visitare il centro storico con Piazza Maggiore. Prossima meta Anzù dove alle pendici del monte Miesna favorito da eccezionale posizione panoramica sorge il Santuario dei Santi Vittore e Corona.

L'itinerario prosegue risalendo la Valle del Piave sulla sua sponda sinistra, a Longarone sulla destra ben visibile si staglia il profilo della diga del Vajont. Per raggiungerne il colmo occorre prevedere una deviazione di qualche chilometro. A Pieve di Cadore da  non perdere un passaggio in Piazza Tiziano e quindi si prosegue verso il bivio che porta a Lorenzago di Cadore.

Lorenzago ha come noto ospitato per anni le vacanze di Giovanni Paolo II e in seguito anche quelle di Benedetto decimo sesto. Tutta la zona è di una bellezza abbacinante, il paesaggio di Lorenzago con Vigo e Laggio fa ben capire il motivo della scelta dei pontefici.

Per il rientro scegliamo di proseguire verso Nord, oltrepassata Auronzo ci aspetta il magico paesaggio della foresta di Somadida prima di scollinare il Passo Tre Croci che porta a Cortina d'Ampezzo. Nella cittadina Regina delle Dolomiti, tra le tante attrattive segnaliamo per il tema dell'itinerario la chiesa parrocchiale assurta al titolo di Basilica Minore nel corso del 2012. Per il ritorno in Val Cordevole scegliamo il Passo Giau, si consiglia di sostare in vetta. Da qui per lunga discesa si raggiunge il lago di Alleghe, Cencenighe e per la stessa strada dell'andata gli ultimi 5 km riconducono a Canale d'Agordo.

 

Avvertenze: Partendo da Selva di Cadore si scende a Caprile-Alleghe e si prosegue fino a Cencenighe dove si svolta a destra per Canala d'Agordo. Circa 30 min di tragitto.
Note: Partendo da Selva di Cadore si scende a Caprile-Alleghe e si prosegue fino a Cencenighe dove si svolta a destra per Canala d'Agordo. Circa 30 min di tragitto.
  • Canale d'Agordo Partenza
  • Canale d'Agordo Arrivo