Trekking - Lèch Dei Giai (Marmolada)

Difficoltàmedia Tempo di percorrenza6 ore compreso ritorno

TREKKING | LÈCH DEI GIAI | MARMOLADA - FALCADE | DOLOMITI Patrimonio Naturale dell'Umanità UNESCO

Questa escursione ad anello permette di raggiungere un suggestivo lago alpino in una conca solitaria tra il Monte Alto (Piz de la Velma) e le Crepe Rosse, nella catena delle Cime d'Auta, sopprannominato "Lèch dei Giai" per la presenza dello schivo gallo cedrone (il lago è noto anche come Lach dei Franzèi, mentre in Val del Biois il lago è denominato gergalmente "Lach dei Negher"); nel periodo estivo è facile avvicinarsi anche ai numerosi stambecchi che popolano questi luoghi selvaggi. Il trekking al Lèch dei Giai è un percorso in costante salita con elevato valore e pregio naturalistico. Partenza dal parcheggio vicino al ponte che attraversa i Serrai di Sottoguda, tra Sottoguda e Malga Ciapela, attraversando poi le belle borgate di Franzei  si risale verso forcella Pianezze prima della quale si svolterà verso il Lago dei Negher o Lago dei Giai. 

  • Materiali: Pedule da trekking, pile, mantellina impermeabile, zaino
Note: Rientro: se si scende fino a Casera Le Buse per poi arrivare fino a Malga Ciapela fare attenzione perchè il tracciato risulta un pò impervio e a tratti franato. Consigliabile lasciare un'auto per il rientro, altrimenti si rientra lungo la statale.
  • 2205 m Lèch dei Giai Quota
  • Ponte prima di Malga Ciapela, lungo la strada statale Partenza
  • Media Frequentazione