Arabba - Passo Pordoi

Difficoltàmedia

Da Arabba, partendo dalla Funivia di Porta Vescovo, imboccare il sentiero che si dirige verso il Passo Pordoi, costeggiando il Torrente Cordevole. Arrivati in località Pont de Vauz (alla partenza della seggiovia), attraversate la strada statale e proseguite lungo il sentiero che attraversa alcuni prati e dove spesso è possibile ammirare le mucche al pascolo. Si giunge poi ad un rifugio da cui potrete osservare le marmotte e con un po' di pazienza, le vedrete correre da una tana all'altra, fischiando per allertare le loro compagne. Dal rifugio si prosegue verso il Passo Pordoi, risalendo la pista da sci. Una volta arrivati in cima al Passo merita una visita la piccola cappella posta ai piedi del Sass Becè. Consigliabile inoltre una visita all'Ossario ai Caduti della Grande Guerra che si trova a circa 1 km. dalla cima del passo. Per rientrare ad Arabba è possibile effettuare un percorso alternativo, imboccando il sentiero CAI n. 680 che si dirige verso Portavescovo e percorrendo il versante nord delle creste. E' un sentiero comodo e spesso frequentato dagli amanti della mountain bike. Quando il sentiero si incrocia con la strada sterrata che conduce a Porta Vescovo, girate a sinistra e scendete verso la statale. Tornati dunque alla località Pont de Vauz, si rientra attraverso il sentiero percorso all'andata. 

  • Materiali: Pedule da trekking – zaino - pile o maglione - giacca a vento - mantellina impermeabile - crema solare
  • Punti d'appoggio: Ristoro Lezuo
Avvertenze: Per il rientro, si può imboccare il sentiero CAI 680 verso il Portavescovo
Note: Per il rientro, si può imboccare il sentiero CAI 680 verso il Portavescovo
  • Sella Gruppo Dolomitico
  • Sentiero segnato Terreno
  • Arabba, piazzale funivia Portavescovo Partenza
  • Arabba Arrivo
  • estate-autunno Periodo consigliato