Grand Tour Dolomiti Stars

GRAND TOUR DOLOMITI STARS (SENSO ORARIO - Direzione consigliata)

Val di Zoldo - Alleghe - Canale d'Agordo - Falcade - Marmolada - Arabba - Colle Santa Lucia - Selva di Cadore

Dolomiti Patrimonio Naturale dell'Umanità UNESCO

 

 

 

Il Grand tour Dolomiti Stars è un itinerario dolomitico ad anello per mountain bikers che unisce i principali centri turistici della nostra area (Agordino e Val di Zoldo) attraversando i grandi massicci delle Dolomiti UNESCO che la contornano. Il percorso è suddivisio in tappe e sottotappe ("passi") ed è perciò adattabile a tutte le capacità ed a tutte le esigenze, anche grazie alla facoltà di utilizzare gli impianti di risalita che si incontrano lungo il tragitto.

Questa composizione del tour consente di scegliere il punto di partenza in base al luogo di provenienza, alle intermodalità con i sistemi di trasporto pubblici o semplicemente ai propri gusti personali; consente in sostanza di creare il proprio MTB Tour delle Dolomiti presonalizzato.

 

ATTENZIONE:

IL GRAND TOUR DOLOMITI STARS È UNA PROPOSTA PER RIDER ESPERTI!

 


 

Nella proposta di  Dolomiti Stars  sono inclusi:

  • personalizzazione del tour in base alle capacità ed alle esigenze dei partecipanti concordata direttamente;
  • prenotazione alberghiera di 3 giorni in Mezza Pensione (HB) per i partecipanti al Grand Tour + camera di cortesia per doccia nell'ultimo giorno del Grand Tour; ogni notte un hotel diverso.
  • trasporto dei bagagli dei partecipanti del Grand Tour da una tappa alla successiva;
  • cartina dettagliata della zona e materiale informativo;
  • briefing con un esperto locale prima della partenza del tour

Servizi aggiuntivi:

  • accompagnamento con Guida MTB, servizio di noleggio MTB;
  • prenotazione pranzo in rifugio;
  • biglietti per gli impianti di risalita*;
  • eventuale servizio Bike Taxi.
  • transfer da per gli aeroporti il giorno di arrivo/partenza

*nel periodo di apertura degli impianti di risalita

Il prezzo esposto può variare a seconda della stagionalità. E' inteso per persona per 3 giorni.

 


 

GRAND TOUR DOLOMITI STARS (SENSO ORARIO) - ESEMPIO

 

Nell'esempio che segue abbiamo scelto di partire dalla Val di Zoldo in quanto punto facilmente raggiungibile dall'uscita dell'Autostrada A27 Venezia-Belluno oppure con il sistema treno+autobus di linea dalla stazione di Longarone; entrambe le opzioni premettono di raggiungere con viaggi di pochi chilometri questa splendida valle dolomitica che si incunea tra gli impressionanti massicci di Pelmo e Civetta.

In zona sono presenti numerose strutture ricettive con servizi specificatamente concepiti per gli amanti della Mountain Bike. Il Grand Tour Dolomiti Stars si svolge nel nostro esempio in senso orario; in questa proposta l'itinerario si completa con 3 tappe inframmezzate da 3 pernottamenti.

 

PASSO A | TAPPA 1 

Zoldo Alto (Val di Zoldo) - Palafavera - Forcella Alleghe - Alleghe

Si inizia con una piacevole salita a Pian del Crep, effettuabile sia in Mountain Bike tramite la stradina di servizio degli impianti che con la cabinovia Pecol-Pian del Crep; da qui si gode di splendidi scorci sulla Val di Zoldo e sulle cime delle Dolomiti UNESCO. La discesa a Mareson richiede una certa attenzione e dimestichezza con il mezzo; completata la discesa si ritorna al punto di partenza (Pecol). Da Pecol si sale verso Palafavera seguendo la strada del Passo Staulanza; a Palafavera ci si immette sulla strada sterrata che conduce a Forcella Alleghe; a Forcella Alleghe ci si dirige su mulattiera verso Piani di Pezzè nel Comune di Alleghe e da qui su un sentiero che presenta tratti tecnici che sicuramente piaceranno agli amanti del downhill. Al termine della discesa si raggiunge il paese di Alleghe dove si può pernottare (in loco ci sono anche hotel Bike Friendly che offrono servizi specifici per i ciclisti).

 

PASSO B | TAPPA 1

Alleghe - Cencenighe Agordino - Valle di Gares - Canale d'Agordo - Falcade

Si lambisce il versante del Monte Piz dal quale nel 1771 si generò la celebre frana responsabile della formazione del Lago di Alleghe. In località Masarè inizia la discesa verso Cencenighe Agordino; il percorso si snoda sulla vecchia strada, oggi poco trafficata, che costeggia il Torrente Cordevole. Da Cencenighe Agordino l'itinerario imbocca la strada ciclabile della Val del Biois lungo il corso del torrente Biois. Giunti a Canale d'Agordo si seguono le indicazioni per la Val di Gares lungo la bella strada ciclabile lunga 7 chilometri immersa nel verde. Raggiunto il fondovalle di Pian delle Giare dove l'inverno viene allestito il Centro Sci Nordico si rientra a Canale d'Agordo seguendo la strada comunale fino alla Piazza Papa Luciani, dove si imbocca sulla sinistra la stradina denominata "Cavalera" in direzione di Caviola e Falcade. La sterrata ha un buon fondo ed è molto agevole nel primo tratto e leggermente più impegnativa avvicinandosi a Falcade. L'arrivo sulla Piana di Falcade gratifica e ripaga dello sforzo compiuto nella seconda parte della tappa 1. 

TAPPA 1 | PASSO A - DISLIVELLO COMPLESSIVO IN SALITA: 1382 m
TAPPA 1 | PASSO A - DISLIVELLO COMPLESSIVO IN DISCESA: 1561 m
IMPIANTI DI RISALITA: 3
FONDO STRADALE: misto (sterrato, asfalto, bosco, strada silvo-pastorale, ghiaia)
POSSIBILITÀ DI PERNOTTAMENTO: Alleghe e Falcade
RISTORI CONSIGLIATI: Baita Scoiattolo - Ristoro Fontanabona

 

PASSO C | TAPPA 2

Falcade - Passo San Pellegrino - Forca Rossa - Malga Ciapela - Passo Padon - Pieve di Livinallongo

La seconda tappa inizia a Falcade; si tratta di un itinerario molto bello sia per le quote raggiunte che per i paesaggi che offre, sempre diversi a seconda del punto di osservazione. La salita al Passo San Pellegrino può avvenire lungo l'itinerario che si snoda a ridosso delle frazioni alte del paese (da Falcade Alto seguendo le indicazioni per Baita Flora Alpina) oppure più comodamente con gli impianti di risalita della ski area San Pellegrino dalla località Molino fino a Laresei. Nella seconda ipotesi si utilizza il sentiero che scende al Lago Cavia e raggiunge la strada del Passo San Pellegrino a quota 1775 m. Si prosegue molto brevemente sulla strada principale del passo fino ad incrociare sulla destra le indicazioni per Baita Flora Alpina, eccellente punto di ristoro; da qui si attraversa la splendida Valfredda, meravigliosa valle con vista panoramica sulle Dolomiti nel Comune di Falcade, e ci si dirige verso il passo di Forca Rossa a quota 2550 con una salita impegnativa (sarà sicuramente necessario spingere la bici in più punti). La discesa da Forca Rossa sul versante della Val Pettorina regala comunque grandi soddisfazioni: attraversata la conca di Franzedas ci si dirige verso Malga Ciapela, celebre località del Comune di Rocca Pietore ai piedi della Marmolada. Si prosegue da qui su un tratto impegnativo per un paio di chilometri fino alla stazione di partenza della seggiovia del Padon. Dopo aver preso l'impianto si giunge al Rifugio Padon, eccellente punto di ristoro; da qui inizia la discesa verso il Comune di Livinallongo del Col di Lana. La discesa lambisce numerose postazioni militari della Grande Guerra attraverso i Monti Alti di Ornella, scende fino alla frazione di Ornella e quindi al fondovalle dove è necessario risalire per un chilometro sul versante opposto. In alternativa, dalla stazione intermedia della cabinovia di Portavescovo è possibile seguire un sentiero a tratti ripido che porta ad Arabba. Per quanto riguarda un eventuale pernottamento, consigliamo la località di Pieve di Livinallongo o la vicina località turistica di Arabba, dove la scelta di strutture ricettive non manca. 

TAPPA 2 | PASSO C - DISLIVELLO COMPLESSIVO IN SALITA: 2429 m
TAPPA 2 | PASSO C - DISLIVELLO COMPLESSIVO IN DISCESA: 2002 m
IMPIANTI DI RISALITA: 3
FONDO STRADALE: misto (sterrato, asfalto, bosco, strada silvo-pastorale, ghiaia)
POSSIBILITÀ DI PERNOTTAMENTO: Falcade, Rocca Pietore e Arabba
RISTORI CONSIGLIATI: Baita Flora Alpina, Chalet Cima Uomo, Rifugio Incisa

 

PASSO D | TAPPA 3

Pieve di Livinallongo - Cherz - Incisa - Pralongià - Armentarola - 5 Torri

Dalla SS 48 "Strada delle Dolomiti" che congiunge Cortina d'Ampezzo (Provincia di Belluno) a Bolzano (Provincia Autonoma di Bolzano) attravero alcuni dei più celebri valichi delle Dolomiti, dalla località di Renaz ci si dirige verso l'abitato di Cherz. L'asfalto lascia spazio ad una eccellente strada sterrata; una salita non eccessivamente lunga conduce al Passo Incisa. Ora si fa sul serio: la salita finale prosegue verso Pralongià, breve ma molto intensa. Al culmine lo sguardo spazia su tutto l'altopiano; pochi metri più avanti la discesa verso San Cassiano è evidente. Raggiunto il fondovalle si imbocca la vecchia strada del Passo Valparola che conduce dapprima all'Armentarola e successivamente verso i Passi Valparola e Falzarego (è possibile anche usufruire di un servizio taxi per raggiungere il Passo Valparola. Si discende poi verso il Falzarego per poi salire alle splendide 5 Torri con la comoda seggiovia o con la più impegnativa stradina silvo-pastorale. Da qio in quota un breve tratto di salita impegnativa (circa un chilometro) per l'Averau, da molti considerato il punto più spettacolare di questo itinerario. Ottima possibilità di sosta in quota o nella vicina Selva di Cadore.

 

PASSO E | TAPPA 3

Averau - Colle Santa Lucia - Selva di Cadore - Pescul

Dal Rifugio Averau si scende lungo una delle discese più spettacolari delle Dolomiti UNESCO fino al villaggio agordino di Colle Santa Lucia; il tracciato in oggetto è spesso punto di transito di una delle più famose gare internazionali di MTB, ovvero la Craft Bike Transalp. Raggiunta Forcella Melei dalla quale si gode di una splendida vista sul Ghiacciaio della Marmolada, si lascia a sinistra il cono di roccia lavica costituito dal Monte Pore e, attraversata la radura in alta quota che immette nel bosco di conifere, si entra nella parte più "guidata" della tappa. Qualche passaggio tecnico non mancherà di rendere ancora più entusiasmante questa discesa. Giunti a Colle Santa Lucia si percorre un breve tratto su strada asfaltata in direzione di Selva di Cadore, splendido centro turistico sito sulla sponda opposta del Codalonga in Val Fiorentina. Si consiglia di proseguire su strada statale fino alla frazione di Pescul, con ottime possibilità di sosta a Santa Fosca e Pescul.

 

PASSO F | TAPPA 3

Pescul - Col del Termine - Fertazza - Palafavera - Zoldo Alto

Selva di Cadore è un paese baciato dal sole: esposto a sud, riceve sole in abbondanza anche nella stagione invernale. Da non perdere le antiche borgate di L'Andria e Toffol ed il Museo Civico della Val Fiorentina "Vittorino Cazzetta". Da Pescul si imbocca un' agevole stradina sterrata dal fondo compatto che raggiunge il Rifugio Fertazza e da qui si scollina la Costa dei Conte entrando nel versante alleghese. In alternativa ci sono due comode seggiovie per raggiungere Cima Fertazza, consigliate soprattutto se siete partiti da Arabba senza soste. Poco discostata dalla stazione di monte c'è la croce che identifica la sommità del Monte Fertazza: da qui si ammira uno splendido panorama a 360° sulle cime delle Dolomiti. Una bellissima discesa conduce ad alcune splendide malghe prima di raggiungere Palafavera; con un piccolo tratto asfaltato si raggiunge Pecol in Val di Zoldo, dove si pernotta concludendo il tour.

TAPPA 3 - DISLIVELLO COMPLESSIVO IN SALITA: 2399 m
TAPPA 3 - DISLIVELLO COMPLESSIVO IN DISCESA: 2556 m
IMPIANTI DI RISALITA: 4
FONDO STRADALE: misto (sterrato, asfalto, bosco, strada silvo-pastorale, ghiaia)
POSSIBILITÀ DI PERNOTTAMENTO: Passo Giau, Selva di Cadore - Val di Zoldo
RISTORI CONSIGLIATI: Baita Averau, Rifugio Fedare, Rifugio Aquileia, Rifugio Staulanza

 

 


 

Per organizzare il vostro Grand Tour Dolomiti Stars personalizzato vi invitiamo ad inviarci una E-mail, ovviamente senza impegno o vincolo da parte vostra; sarete poi contattati da un nostro operatore per discutere dei dettagli del tour e, in base alle vostre scelte, del prezzo dettagliato del vostro Grand Tour Dolomiti Stars. Il nostro indirizzo E-mail è:

 

info@dolomitistars.com

 

 In alternativa siamo a vostra disposizione telefonicamente al numero: 

 

+39 0437 523642

 

Dal lunedì al venerdì, 08.00-12.30 e 13.15-16.45

 

 


 

 

"Comunicazione obbligatoria ai sensi dell'articolo 17 della legge n. 38/2006.
La legge italiana punisce con la reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se commessi all'estero."

Dolomiti Stars Travel
autorizzazione n° 51 del 14-01-2014 rilasciata dalla Provincia di Belluno
Polizza di responsabilità civile n° ------ del ---------
*extra: tutto ciò non espressamente previsto nelle proposta
*salvo esaurimento disponibilità

a partire da € 300,00 € 250,00 Prenota