Luoghi della Grande Guerra

La Prima Guerra Mondiale in Dolomiti

percorsi - luoghi - musei della grande guerra

Tra il 1915 e il 1918 fu combattuta sulle Dolomiti la Prima Guerra Mondiale conosciuta anche con il nome di Grande Guerra.

L'esercito Italiano e Austro-Ungarico si fronteggiarono sulle nostre montagne, combattendo una cruente guerra. Le frequenti  battaglie, le rigide temperature invernali, il rischio di valanghe e le condizioni atmosferiche metterono a dura prova la resistenza dei soldati.

Durante i lunghi anni di guerra furono costruite trincee difensive, postazioni, forti, baraccamenti e gallerie scavate nella roccia. Negli ultimi anni questi storici manufatti sono stati restaurati, oggi sono numerosi i percorsi e musei che si possono visitare per mantenere vivo il ricordo di quegli anni e dare la possibilità a chi visita questi luoghi, di comprendere le difficoltà e la sofferenza che provarono i soldati su entrambi i fronti.

Lagazuoi - Cinque Torri - Marmolada - Col di Lana

MUSEO ALL' APERTO  DEL PASSO FALZAREGO - LAGAZUOI

L' area circostante il Passo Falzarego era durante la Prima Guerra Mondiale un punto strategico di primo livello, i motivi che rendevano questa zona cosi importante erano che si trovava vicino al Passo Valparola, porta d'accesso alla Val Badia e da li al Brennero e che era dislocata a pochi passi dal Col Di Lana. Per questo molti sono i luoghi di interesse storico che si possono visitare al giorno d'oggi.

- Salita al Sas de Stria camminando nelle trincee o percorrendo la galleria Goiginger            - Visita al Museo Forte Tre Sassi  al Passo Valparola.

- Galleria del Lagazuoi salita o discesa all' interno della galleria scavata durante il conflitto - Sentiero del Kaiserjager che porta alla vetta del Lagazuoi.

Maggiori informazioni:  www.dolomiti.org

 

MUSEO ALL' APERTO  DELLE 5 TORRI

Durante il conflitto in quest'area vennero dislocate le truppe Italiane di artiglieria che puntavano in direzione del Lagazuoi e del Forte Tre Sassi. Il restauro delle trincee, camminamenti e postazioni permette al visitatore di comprendere la dislocazione delle truppe italiane durante la Guerra. Da Selva di Cadore si può raggiungere il Rifugio Fedare e da li salire con la seggiovia al Rifugio Averau e ridiscendere verso alla zona delle 5 Torri.

Maggiori informazioni: www.dolomiti.org

 

ZONA DEL COL DI LANA

Escursione alla cima del Col di Lana, teatro di cruenti scontri nella Prima Guerra Mondiale e ricordato anche per l’episodio che vide i soldati italiani far esplodere una mina di enormi dimensioni.
Si parte dalle frazioni di Palla e Agai in comune di Pieve di Livinallongo, l'escursione si snoda lungo il versante del monte e sale per una stradina costruita dai militare e porta fino in cima al monte a quota 2465m. Il tempo di percorrenza è di circa 6 ore andata e ritorno. In vetta è presente una piccola chiesetta in ricordo dei soldati caduti durante il conflitto.

 

ZONA DELLA MARMOLADA

La Marmolada è uno dei teatri di guerra piu tristemente noti, in essa gli Austriaci scavarono la famosa “ Città di ghiaccio” un labirinto di cunicoli scavati nel ghiacciaio oramai scomparsi a causa del naturale movimento del ghiaccio.
Per visitare la zona dove un tempo passava il confine, si sale in quota qui si trovano alcuni itinerari escursionistici che portano sui luoghi della Grande Guerra inoltre si può visitare il Museo (il più alto d’Europa a quota quasi 3.000 metri), alla stazione di Punta Rocca si trova anche una piccola Cappella consacrata da Giovanni Paolo II

Maggiori Informazioni: www.funiviemarmolada.com