Centro Multimediale Carlo Delcroix a Sottoguda

Dedicato al militare italiano - Medaglia d'Argento al Valor Militare

A Carlo Delcroix, militare italiano, decorato della Medaglia d’Argento al Valor Militare, è intitolato l’edificio della vecchia scuola elementare di Sottoguda, sede dell’Ufficio Turistico e del nuovo centro multimediale dedicato alla Grande Guerra.

La sala multimediale

La sala multimediale

Grazie ad un progetto finanziato attraverso dei fondi Europei, al primo piano dell'Ufficio Turistico di Sottoguda, è stato allestito un centro multimediale, dedicato alle vicende della Prima Guerra Mondiale, susseguitesi in questa zona. 

Il centro è formato da schermi touch screen, i quali mostrano le immagini ed i filmati di quegli atroci avvenimenti e per collocare geograficamente le vicende, il pavimento riporta un plastico accurato della zona: Rocca Pietore, Sottoguda, area del Padon, Fedaia e Marmolada.

Adatta sia agli adulti, che ai bambini, è una nota di pregio che la valle offre al turista, per non dimenticare le sofferenze della Grande Guerra.

 

 

 

 

Chi era Carlo Delcroix

Chi era Carlo Delcroix

Il tenente fiorentino Carlo Delcroix, che dopo aver combattuto al Col di Lana ed al Siéf, era giunto con i suoi Bersaglieri al Seràuta, nel settembre del 1916, per dare il cambio ai Fanti del 51°. Era conosciuto da tutti come un ufficiale coraggioso, intelligente, pieno di entusiasmo e generosità.

A punta Seràuta comandava una sezione di mitragliatrici Schwarzlose, catturate agli Austriaci nella riconquista della posizione. Nel dicembre del 1916 aveva ottenuto dal capitano Andreoletti una breve licenza, per potersi recare dalla sua famiglia. Fu quella l'ultima volta che i suoi cari lo poterono vedere nella piena integrità del suo aspetto fisico.

Quando non era in servizio agli avamposti, scendeva a Malga Ciapela con l'incarico di istituire un reparto di arditi Bersaglieri, in particolare nel lancio e nell'uso di bombe a mano. La mattina del 12 marzo 1917 il tenente Delcroix fu avvertito che uno dei suoi Bersaglieri, avventuratosi incautamente nel campo, aveva provocato la deflagrazione di un ordigno inesploso, restando ucciso. Egli fu profondamente turbato dal fatto e si recò presso la vittima. Nel mirarne il volto dilaniato avvertì un presentimento:

"Sotto al neve che celava il volto 

vidi me stesso, quale sarei stato,

e da quel gelo non mi son più tolto:

non so da quale voce fui chiamato..."

Senza perdere tempo diede disposizione di bonificare il terreno e con le sue stesse mani neutralizzò vari ordigni. Sembrava che il compito fosse terminato, ma scorse un'ultma bomba. Con la solita attenzione e cautela, la raccolse per lanciarla nel torrente Pettorina...

"... La morte non temuta in campo aperto

da solo avvicinai senza sospetto

e con lo stesso telo fui coperto..."

Subito soccorso dai suoi commilitoni, la situazione apparve subito gravissima, ma grazie alla sua forza d'animo e al sostegno della madre Ida Corbi Delcroix, potè sopravvivere, sia pure con atroci mutilazioni. Fu decorato Medaglia d'Argento al Valor Militare, tenne comizi in tutta Italia e fu tra i fondatori dell'Associazione Mutilati ed Invalidi di Guerra. Morì il 25 ottobre 1977 all'età di 81 anni.