LA SKI AREA

100 KM DI PISTE INSERITE NEL CIRCUITO DEL DOLOMITI SUPERSKI

La Regina delle Dolomiti è un vero e proprio paradiso per gli amanti degli sport sulla neve e dona alcuni dei più suggestivi scenari invernali.
L'area sciistica di Cortina d'Ampezzo 3 comprensori collegati tra loro da un servizio di skibus gratuito:

  • Faloria - Cristallo
  • Tofana
  • Lagazuoi - 5 - Torri - Giau - Cortina Delicious 

per un totale di 100 km di piste con il 95% di innevamento programmato per sciare da novembre ad aprile.

Cortina d’Ampezzo fa anche parte del comprensorio Dolomitisuperski, uno dei caroselli sciistici più grandi al mondo con 450 impianti di risalita inclusi in un unico skipass per usufruire di oltre 1200 km di piste distribuite su 12 vallate diverse.

AREE SCIISTICHE A CORTINA

Faloria - Cristallo

L'area è famosa per la varietà delle sue piste, da quelle dedicate ai principianti e bambini alle piste tecniche per esperti.
Sul monte Faloria dal 2010 la Pista Vitelli, tra le più panoramiche delle Dolomiti bellunesi, è stata dedicata allo slow ski per gli amanti del relax e della natura, con aree di sosta lungo il tracciato per godersi la vista sulle vette più belle di tutto l'arco alpino.
Dalla località di Rio Gere parte la seggiovia quadriposto che in pochi minuti vi porta a Son Forca, dove partono le piste da sci del Cristallo, famose per aver visto nascere il talento di Alberto Tomba.

Tofana

37 piste (6 nere, 12 rosse, 13 blu e 6 verdi) per un totale di 47 Km
Sciare a Cortina sulle piste della Coppa del Mondo di Sci Alpino Femminile, piste tecniche come il Canalone e il famoso Schuss. Nella parte più bassa dell'area si trovano le piste per principianti e lo snowpark per gli amanti del freestyle.
Ski Tour Olimpia: per gli amanti della storia da provare il tour delle Dolomiti sulle piste che hanno ospitato le Olimpiadi del '56. Salendo con la funivia Freccia nel cielo si toccano i 2.500 m dell’area Ra Valles della Tofana di Mezzo da dove ammirare uno spettacolare panorama sulla Valle di Cortina e da dove si snodano le piste più caratteristiche circondate dalle rocce rosa tipiche delle Dolomiti Patrimonio UNESCO. Solo per sciatori esperti, la pista nera Vertigine Bianca. Per la sua bellezza e ripidità è una delle due piste di Cortina che non vengono battute dai gatti delle nevi, dando la possibilità a sciatori esperti di cimentarsi in discese in neve fresca, su una pista ecologica ed a impatto zero, tra gli splendidi panorami delle cime Dolomitiche.

Lagazuoi - 5 Torri - Giau - Cortina Delicious

11 piste (5 rosse, 6 blu) per un totale di 29 Km
L’area Lagazuoi 5 Torri Giau - Cortina Delicious recentemente è stata collegata al Passo Falzarego attraverso l’impianto Averau Troi. Con pochi minuti di funivia, dal Passo Falzarego si raggiunge il Rifugio Lagazuoi (2.500 m), da dove si possono ammirare la Marmolada, il gruppo del Sella, il Civetta, il Pelmo e le Tofane.
  • Lo ski tour Dolomiti della Prima Guerra Mondiale percorre il fronte dolomitico e gira attorno al Col di Lana. 
  • Super 8 Ski Tour: lo speciale tour Dolomiti che si snoda tra le piste dell'Averau Troi e dell'Armentarola. Lungo il percorso si incrociano 8 rifugi alpini dai quali ammirare 8 fra le cime più belle del comprensorio delle Dolomiti bellunesi. 
  • La pista Armentarola è la più affascinante delle Dolomiti. Al cospetto dei monti di Fanes, il tracciato si dipana in una valle fatata, sovrastata da maestosi castelli di roccia e cascate di ghiaccio per circa 8 km e mezzo. La pista Armentarola è raggiungibile tramite la funivia Lagazuoi a passo Falzarego, che in soli tre minuti porta a 2.800 metri d’altitudine da dove si gode una delle più belle viste sulle Dolomiti. E come in tutte le fiabe che si rispettino, il percorso termina trainati dai cavalli fino al luogo da cui si può ripartire per ripetere il percorso o per nuove fantastiche avventure.












NON SOLO SPORT

Una delle due località italiane tra le 13 destinazioni del Best of the Alps, Cortina è anche Regina dell’intrattenimento culturale, mondano ed enogastronomico: tante le proposte per chi ama vivere la montagna in modalità slow, anche senza gli sci ai piedi.